Ammissibilità del regolamento preventivo di giurisdizione

Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, Ordinanza n. 16672 del 09/08/2016

“Regolamento preventivo di giurisdizione: inammissibile se il giudice di merito ha già emesso sentenza”

REGOLAMENTO PREVENTIVO DI GIURISDIZIONE – EMANATA SENTENZA GIUDICE PRIMO GRADO – ART. 41, COMMA 1, C.P.C. – AMMISSIBILITÀ 

Con la citata ordinanza, in tema di regolamento preventivo di giurisdizione, le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione hanno riaffermato l’orientamento già più volte proposto. Nel provvedimento si legge che “Queste Sezioni Unite hanno ripetutamente chiarito (cfr., ad esempio, Sez. Unite I dicembre 2014 n. 25371; Sez. Unite 16 giugno 2014 n. 13677; Sez. Unite 8 marzo 2012 n. 3621) che il regolamento preventivo di giurisdizione è inammissibile quando venga proposto, come nel caso in esame, dopo che il giudice di merito abbia emesso una sentenza, anche soltanto limitata alla giurisdizione o ad altra questione processuale. Invero l’art. 41, comma I, cod. proc. civ., deve essere interpretato nel senso che qualsiasi decisione emanata dal giudice presso il quale il processo è radicato, sia attinente al merito sia a questioni inerenti ai presupposti processuali, preclude la proponibilità del regolamento di giurisdizione, che costituisce uno strumento preventivo (e facoltativo) per l’immediata e definitiva soluzione delle questioni attinenti alla giurisdizione. Ne consegue che esso non è mai proponibile dopo che il giudice di merito abbia emesso una sentenza, anche se solo limitata alla giurisdizione, poiché in tal caso la decisione sul punto va rimessa al giudice di grado superiore (Sez. Unite, 26 maggio 2015, n. 10795)”.

Share This: